Popillia japonica - Scarabeo giapponese

Scarabeo giapponese: un alieno a Lignano è il nome dell’incontro che si terrà lunedì 12 febbraio 2024 alle ore 18.00 presso il Centro Civico di Lignano Sabbiadoro (UD), organizzato dal Comune di Lignano Sabbiadoro assieme all’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale – ERSA della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

L’intervento vuole sensibilizzare la comunità riguardo ad un organismo nocivo da quarantena prioritario, la Popillia japonica o scarabeo giapponese, avvistato per la prima volta nella città balneare nel 2023, e che il Servizio Fitosanitario Regionale sta monitorando costantemente: nel corso della serata, verranno illustrati il suo ciclo biologico, le attività di sorveglianza attuate nell’anno passato, e le misure fitosanitarie e le attività prevista nel 2024 per contrastarlo.

Per informazioni: segnalazioni.fitosanitarie@ersa.fvg.it

 

Nome comune: Scarabeo giapponese
Nome scientifico: Popillia japonica

Tassonomia: Coleottero, scarabeide

Descrizione:

Popillia japonica è un coleottero scarabeide originario del Giappone.

Questa specie aliena altamente polifaga, si alimenta su svariate piante di interesse agrario tra cui vite, piccoli frutti, nocciolo, pesco, susino, melo, pero, mais e soia, ma anche su piante di interesse ornamentale e forestale tra cui olmo, tiglio, betulla, carpino e ontano.

In Italia, compie una sola generazione all’anno e sverna come larva di terza età nel terreno. Gli adulti sfarfallano verso l’inizio di giugno e sono attivi fino a settembre con un picco di volo in genere nel mese di luglio.

I danni sono causati sia dalle larve nel terreno, che si nutrono delle radici di graminacee, che dagli adulti, che presentano un comportamento gregario, alimentandosi sulla vegetazione di numerose specie coltivate e spontanee risultando infestante in ambito agrario, nel verde urbano e in contesti più naturali.

Popillia japonica è inclusa nella lista degli organismi nocivi di quarantena rilevanti per l’Unione europea (regolamento delegato (UE) 2019/2072) e in quella degli organismi nocivi prioritari (regolamento delegato (UE) 2019/1702).

 

Misure fitosanitarie per il contrasto di Popillia japonica nelle aree delimitate

Le misure fitosanitarie per l’eradicazione prevedono ad esempio:

– l’utilizzo di trappole attrattive per la cattura massale posizionate nei siti infestati;

– il rilascio di organismi per la lotta biologica (es. i nematodi entomopatogeni Heterorabditis bacteriophora);

– l’identificazione e il monitoraggio dei siti a maggiore rischio di diffusione passiva degli insetti adulti, dove sono attuate misure di controllo, inclusi eventuali trattamenti insetticidi, secondo i piani di azione regionali.

– le disposizioni fitosanitarie per le attività vivaistiche che ricadono nelle aree infestate, in modo da evitare il trasporto passivo dell’insetto con il commercio di piante.

Particolarmente importante EVITARE l’impiego di trappole non autorizzate dal Servizio Fitosanitario in quanto potrebbero accelerare la diffusione dell’insetto.

 

Link utili

EFSA story map: Popillia japonica

Distribuzione

Piante ospiti

Documento Tecnico Ufficiale numero 38 - Scheda tecnica per indagini sull'organismo nocivo: Popillia japonica

Progetto IPM - Popillia