Glossario Pedologico

Azioni sul documento
 Marna
Roccia sedimentaria clastica, composta da granuli finissimi, costituita soprattutto da calcare e minerali argillosi, formatasi in seguito alla deposizione di materiale in ambiente marino o lacustre.
 Massivo
Materiale privo di struttura interna e dotato di coerenza.
 Materiale di suolo antropogeomorfico
Materiale minerale o organico inconsolidato che nella specificazione Aric fa riferimento ad uno strato rimescolato dall’aratura profonda con frammentazione di orizzonti diagnostici.
 Materiale di suolo calcareo
Materiale che mostra forte effervescenza con HCl al 10% nella maggior parte della terra fine.
 Materiale di suolo fluvico
Sedimenti fluviali, marini e lacustri, che ricevono materiali freschi ad intervalli regolari, o li hanno ricevuti nel recente passato
.
 Materiale diagnostico
Sono materiali che riflettono le caratteristiche dei materiali parentali originali, nei quali i processi pedogenetici non sono stati così attivi da lasciare un'impronta significativa. Tali caratteristiche sono usate per la distinzione tra i taxa di una tassonomia.
 Meandro
Ansa di un corso d’acqua. Durante la normale evoluzione di un fiume l’erosione interessa la sponda esterna, la deposizione quella interna, finché due anse omologhe restringono il lobo tra loro interposto ed avviene il salto di meandro; il tratto abbandonato prende il nome di meandro morto ed a poco a poco si interra.
 Metodo ascendente
Raggruppamento e generalizzazione di informazioni pedologiche, acquisite e spazializzate al dettaglio, in aree di dimensioni più grandi, appartenenti a pedopaesaggi di livelli gerarchici superiori
.
 Metodo discendente
Analisi del paesaggio pedologico per approssimazioni successive, scendendo da livelli gerarchici più elevati, cioè a minor dettaglio, a livelli via via di maggior dettaglio e minore generalizzazione.
 Microrilievo
Elaborazione di precisione della superficie topografica a partire dagli elementi quotati finalizzata allo studio delle sue forme. Può essere eseguito a mano oppure con l’ausilio di software dedicati, sebbene ciascuno dei due metodi presenti dei vantaggi e degli svantaggi. L’equidistanza delle curve di livello viene scelta sulla base della precisione dei dati a disposizione, della pendenza regionale e della finalità dello studio. Le quote relative a manufatti antropici possono essere omesse o meno, in funzione dello scopo che si vuole ottenere.
 Modale
Relativo alla porzione di territorio, assunto come superficie altimetrica di riferimento, relativamente alla quale si individuano gli alti ed i bassi morfologici.
 Monocursale (corso d’acqua)
Costituito da un canale singolo che può o meno tendere al meandreggio.
 Morfometria
Studio quantitativo delle forme della superficie terrestre, che si basa su misure dirette o su analisi di carte topografiche, foto aeree e immagini da satellite.