Azioni sul documento

Pesca Iris rosso

Varietà di pesco caratterizzata da costanza di produzione, polpa soda, bianca, frutti medio-grossi, con buccia soffusa di rosso.

Categoria: prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Territorio interessato alla produzione: Province di Udine e di Gorizia



Territorio interessato alla produzione

Il territorio interessato dalla produzione è compreso nelle province di Udine e di Gorizia; in particolare l’Isontino è il luogo dove la cultivar è stata costituita e selezionata e poi diffusa (nel 1950). La produzione, seppur limitata, è in atto. La cultivar è a rischio di estinzione, in quanto nei nuovi impianti intensivi vengono per lo più utilizzati astoni di varietà più recenti e affermate.

Descrizione sintetica del prodotto

I dati seguenti (caratteristiche agronomiche della varietà e qualitative dei frutti) sono tratti dalle schede “Iris rosso” di Fideghelli et al. (1980), di Della Strada et al. (1984) e di Fideghelli (1984).

Albero: mediamente vigoroso.

Glandole fogliari: reniformi.

Fiore: rosaceo.

Fioritura: intermedia, di buona entità (al Nord).

Frutto: di peso medio (135 g circa), circonferenza media 20,4 cm; forma rotondo-ellittica, simmetrica o leggermente assimmetrica, con apice leggermente o mediamente incavato, linea di sutura superficiale o lievemente incavata.

Buccia: mediamente o molto tomentosa, verde chiaro, con sovracolore rosso intenso, medio o smorto, sfumato e marezzato sul 60-90% della superficie, medio-spessa, raramente soggetta a spaccature, suscettibile alla lesione della cavità peduncolare al distacco del frutto.

Polpa: bianca, leggermente venata di rosso, mediamente soda, di media tessitura, semiaderente, di buon sapore.

Nocciolo: medio, globoso o subgloboso.

Allegagione: media.

Produttività: media.

Resistenza alle manipolazioni: media.

Maturazione: circa 11 giorni prima della cv Redhaven (maturazione ai primi di luglio al Nord).

Giudizio d’insieme: una delle migliori cultivar a polpa bianca della sua epoca.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

Le tradizionali operazioni agronomiche, riferite per lo più a piccoli gruppi di piante negli orti familiari, sono di seguito descritte.

Impianto: Il trapianto viene condotto in autunno-inverno quando il terreno non è ghiacciato o eccessivamente umido. Dopo la classica preparazione del terreno vengono messi a dimora gli astoni con un sesto d'impianto di 5 m x 5 m. In primavera le piantine vengono tagliate a circa 60 cm da terra e si alleva un singolo pollone che poi andrà a formare il vaso.

Potatura: La potatura di allevamento porta alla costituzione della tradizionale forma a vaso. A giugno, quando il getto principale ha raggiunto la lunghezza di circa 85 cm, il getto "domestico" si taglia a circa 65 cm. Quindi si passa alla gestione dei 3 o 4 getti anticipati che devono essere impalcati a circa 50 cm da terra. Aiutandosi con dei paletti questi getti danno luogo alla tradizionale forma a vaso della pianta.

Relativamente alla potatura di produzione, in estate si provvede ad "arieggiare" la chioma con interventi di ripulitura da succhioni e con altri leggeri interventi. In inverno, invece, si interviene per mantenere una buona struttura ed una elevata carica di gemme. Essendo piante dal portamento vigoroso, necessitano di operazioni di potatura secca mirate e attente e buoni interventi di potatura verde. Allegando un elevato numero di fiori sono necessari interventi di diradamento dei frutti.

Raccolta: La raccolta viene effettuata manualmente con l'uso di ceste e/o secchi e con una lavorazione in campo (si può fare anche in locali aziendali) che consiste in una leggera toelettatura e nella disposizione del prodotto in cassette provviste di contenitori alveolari. Il prodotto così confezionato va direttamente sul mercato. Data la media resistenza alle manipolazioni da parte dei frutti si preferisce manipolare il prodotto direttamente in campo dopo la raccolta (incassettatura e minima toelettatura).

 

Materiali attrezzature e locali utilizzati per la produzione

I materiali, le attrezzature e i locali utilizzati per la produzione sono di norma quelli che si usano tuttora in zona per la normale coltivazione del pesco e cioè: ceste per la raccolta, carro per raccolta e/o manipolazione del prodotto, cassette per il prodotto lavorato, contenitori alveolari di varia misura, eventuale locale per la lavorazione e toelettatura, locale per la vendita.

 

Elementi che comprovino che le metodiche siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni

La pesca Iris rosso deve la sua tradizionalità alla elevata diffusione, in particolare nell’Isontino, nel secondo dopoguerra; la varietà venne costituita e selezionata in loco dal cav. Pietro Martinis (1902 - 1969) che la diffuse nel 1950. Questa e altre cultivar di pesco costituite dal Martinis (denominate in modo collettivo “varietà isontine”) hanno svolto un ruolo determinante nello sviluppo della peschicoltura nelle aree vocate della pianura friulana (Zandigiacomo, 2000).

Questa varietà di pesco è coltivata da molti decenni in varie zone del Friuli-Venezia Giulia, anche se nel corso degli ultimi anni la coltivazione ha subito una forte riduzione dovuta principalmente alla diffusione di nuove varietà.

Viene tuttora coltivata per diverse caratteristiche positive, quali: costanza di produzione, polpa soda, bianca, semiaderente, caratteristiche estetiche (frutti medio-grossi, buccia estesamente soffusa di rosso) e organolettiche buone.

 

Questa varietà di pesco è stata costituita nell’Isontino dal cav. Pietro Martinis con incrocio Porpurea x (J.H. Hale x Red Bird) (Fideghelli et al., 1980; Della Strada et al., 1986; Zandigiacomo, 2000). Dopo la selezione questa varietà venne diffusa nel 1950 (Fideghelli et al., 1980; Della Strada et al., 1986). Ebbe subito, al pari di altre varieta di pesco costituite sempre dallo stesso Martinis (es. cv Triestina, Isontina, Julia, Pisana, Fior di Monaco, Flavia, Santa Lucia) (Bellini e Scaramuzzi, 1975), un buon successo in regione, in quanto ben adattata alle condizioni pedo-climatiche locali (Zandigiacomo, 2000), ma anche in altre regioni italiane (es. Emilia-Romagna).

Negli Atti del Convegno regionale sul Pesco, tenutosi a Fiumicello (UD) nel 1969, si afferma che, sulla base dei risultati ottenuti in alcuni pescheti sperimentali curati dall’Ispettorato provinciale dell’agricoltura di Gorizia, fra le “varietà Martinis” si potevano consigliare “Fior di Monaco, Juliana, Pisana e soprattutto Iris rosso” (AA.VV., 1970).

Pochi anni più tardi, un’accurata indagine sulla consistenza della frutticoltura del Friuli Venezia Giulia, condotta nel 1976 (Youssef e Nassimbeni, 1977), mise in luce che la superficie a pesco in Regione si attestava su 508 ettari (compresi 15 ha investiti a nettarine) con circa una sessantina di varietà, delle quali 22 con almeno 7 ettari di superficie. Fra le prime dieci varietà di pesco sono elencate ben cinque cultivar costituite dal Martinis (comprendenti Iris rosso al 7° posto assoluto), alle quali ne seguono altre cinque nelle seconde dieci.

Di anni successivi si conoscono ulteriori dati sulla coltivazione in Friuli Venezia Giulia della cultivar Irisi rosso (e altre) sulla base delle statistiche regionali di Castagnaviz (1980, 1981, 1983,).

Da un secondo approfondito censimento della frutticoltura regionale condotto nel 1983 (Youssef et al., 1985), è risultato che il pesco (comprese le nettarine) era coltivato in Regione su 220 ha. Fra le varietà del Martinis prevalevano Isontina e Iris Rosso (ca. 9 ha ciascuna); ad esse seguivano, in ordine decrescente, le cv Cormonese, Santa Lucia, Julia, Triestina (ca. 3 ha), Fior di Monaco, Juliana, Flavia e Pisana.

Da allora, lentamente le superfici coltivate in Regione con la varietà in esame sono andate progressivamente riducendosi.

La varietà Iris rosso (insieme a numerose altre varietà costituite dal Martinis) è attualmente conservata nelle collezioni del germoplasma di pesco delle seguenti istituzioni (cfr. anche Sartori et al., 2003):

  1. Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree (IVALSA) (ex Istituto di Propagazione delle Specie Legnose - IPSL) del C.N.R. presso l’Azienda sperimentale “S. Paolina” di Follonica (GR);
  2. Consiglio per la Ricerca Agricola (CRA) (ex Istituto Sperimentale per la Frutticoltura - ISF) del Mi.P.A.F., presso l’azienda agricola Fiorano di Roma;
  3. Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali dell’Università di Padova, presso l’azienda agraria sperimentale di Legnaro - Agripolis (PD);
  4.  Dipartimento di Colture Arboree (ex Istituto di Coltivazioni arboree) dell’Università di Bologna, presso l’azienda didattico-sperimentale di Cadriano di Granarolo Emilia (BO).

La cv Iris Rosso, per le buone caratteristiche complessive, è stata utilizzata quale “genitore” nell’ambito di un programma di miglioramento genetico del pesco con metodi tradizionali, presso l’Istituto Sperimentale per la Frutticoltura. Nell’ambito di tale attività, Liverani e Cobianchi hanno costituito la varietà Bea (Suncrest x Iris Rosso), a pasta bianca, diffusa nel 1993 (Sartori et al., 2003).

 

Con decreto del Direttore generale dell’Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale (ERSA) n. 63 dd. 06.04.2005 la cv Iris rosso è stata iscritta al “Registro Volontario Regionale, Sezione vegetale”, istituito, ai sensi della L.R. 22 aprile 2002 n. 11 “Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale” e del relativo “Regolamento per la tenuta del registro volontario regionale e per l’iscrizione in esso delle risorse genetiche autoctone della regione Friuli Venezia Giulia, in applicazione della L.R. 22 aprile 2002 n.11”.

La cv “Iris rosso (A 1/2)” è inserita inoltre nell’elenco delle varietà considerate “autoctone” del Friuli-Venezia Giulia nel sito web del Corpo forestale dello Stato, ove sono indicate le specie arboree spontane e le cv di fruttiferi delle diverse regioni italiane.

 

BIBLIOGRAFIA E SITI WEB

 

La varietà “Iris rosso” viene nominata e illustrata in diverse pubblicazioni a stampa, fra le quali le seguenti.

 

- AA.VV, 1970 - Atti del Convegno regionale sul pesco, Fiumicello (Udine), 20 febbraio 1969. - ERSA: 106 pp. (la cv Iris rosso è nominata fra quelle più promettenti).

- Bellini E., Scaramuzzi F., 1975 - Voce “Pesco”. In: Enciclopedia agraria italiana, vol. VIII, REDA, Roma: 1120-1160 (sono ricordate diverse varietà costituite dal Martinis, compresa Iris rosso).

- Castagnaviz M. (a cura di), 1980 - La produzione lorda vendibile dell'agricoltura e delle foreste regionali nell'anno 1979. Confronti tra produzioni agricole regionali degli anni 1950-1960-1968-1978-1979, commercializzazione associata delle produzioni agricole regionali nell'anno 1979. - Regione Friuli-Venezia Giulia, Ufficio stampa e pubbliche relazioni: 148 pp. (la cv Iris rosso è nominata a pag. 29).

- Castagnaviz M. (a cura di), 1981 - L'agricoltura regionale nel 1980. - Regione Friuli-Venezia Giulia, Ufficio stampa e pubbliche relazioni: 103 pp. (la cv Iris rosso è nominata a pag. 24).

- Castagnaviz M. (a cura di), 1983 - L'agricoltura regionale nel 1982. - Regione Friuli-Venezia Giulia, Ufficio stampa e pubbliche relazioni: 145 pp. (la cv Iris rosso è nominata a pag. 37).

- Della Strada G., Fideghelli C., Liverani A., Monastra F., Rivalta L., 1984 - In: Monografia di cultivar di pesco da consumo fresco. 1° volume (coordinatore Della Strada G.). - Istituto Sperimentale per la Frutticoltura, Roma: 172 pp. (la scheda della cv Iris rosso è a pag. 157).

- Fideghelli C., 1984 - Manuale di peschicoltura. Edagricole, Bologna: 206 pp. (la scheda della cv Iris rosso è a pag. 39).

- Fideghelli C., Bassi D., Bellini E., Monastra F., 1980 - Schede per il registro varietale dei fruttiferi. 2. Pesco. - Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste e Società Orticola Italiana, Roma: 103 pp. (la scheda della cv Iris rosso è a pag. 47).

- Sartori A., Vitellozzi F., Grassi F., Della Strada G., Fideghelli C., 2003 - Il germoplasma Frutticolo in Italia., Vol. I. Drupacee. - Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Progetto finalizzato “Risorse genetiche vegetali”, Roma: 598 pp. 45 (la scheda della cv Iris rosso è a pag. 329).

- Youssef J., Nassimbeni P.L., 1977 - La frutticoltura nel Friuli-Venezia Giulia. Origine situazione e prospettive. - Frutticoltura, 39 (5): 19-45 (la cv Iris rosso è nominata più volte).

- Youssef J., Venturini R., Scarbolo E., Sommariva E., 1985 - La frutticoltura friulana. Evoluzione e aspetti colturali. In AA.VV., “La situazione dell’orto-frutticoltura friulana. Analisi ed interpretazione di un censimento”, Centro Regionale per la Sperimentazione agraria, Pozzuolo del Friuli (UD): 95-13045 (la cv Iris rosso è nominata più volte).

- Zandigiacomo P., 2000 - Appunti per una storia della frutticoltura friulana. - Pantianins… Signora!, n. 10, numero unico a cura della Pro Loco di Pantianicco: 11-19 (viene ricordata l’opera del cav. Pietro Martinis, costitutore di diverse varietà di pesco, tra le quali le cv Isontina, Triestina e Iris rosso).

 

Si veda il sito web riguardante le specie e le varietà autoctone della regione Friuli-Venezia Giulia:

http://www.corpoforestale.it/foreste&forestale/archivio/regioni/friuli.htm#friuli%20pesco (la cv Iris rosso è elencate fra varietà autoctone di pesco della regione).




Argomenti associati
Area divulgativa
« dicembre 2018 »
do lu ma me gi ve sa
1
23 45678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031