Azioni sul documento

Mela Zeuka, Zeuka, Seuka

Varietà di melo autoctona con frutti dalla pezzatura media e forma asimmetrica. Presenta una discreta produttività.

Categoria: prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Territorio interessato alla produzione: Province di Udine e Pordenone, in particolare nelle Valli del Natisone (UD) e nel comprensorio di Castelnuovo del Friuli (PN).



Descrizione sintetica del prodotto

I dati seguenti (caratteristiche agronomiche della varietà e qualitative dei frutti) sono tratti dalle schede “Zeuka” di Youssef et al. (2000).

Albero

Vigore: mediamente elevato

Portamento: semi-aperto

Rami: mediamente tormentosi, bruno grigiastri, internodi di media lunghezza e spessore, lenticelle mediamente numerose, tondeggianti

Foglie: medie, ellittiche, bidentate, mediamente lucide

Caratteri produttivi

Epoca di fioritura: prima decade di maggio

Distribuzione fiori: sia su lamburde che su rami misti e brindilli

Produttività: media, mediamente soggetta a cascola pre-raccolta.

Frutto

Pezzatura : media (peso medio 140 g, calibro prevalente 70 – 80 mm)

Forma: appiattito-globosa o medio-conico-globosa, asimmetrica, irregolare in sezione trasversale.

Buccia: colore di fondo: verde-giallo; sovracolore: da rosso a rosso scuro, uniforme o striato, esteso per il 50–100% della superficie

Aspetto superficiale: ceroso – untuoso

Lenticelle: mediamente numerose, piccole, poco evidenti, aureolate, biancastre, a volte grigiastre o rugginose

Rugginosità: a seconda delle annate, i frutti possono esserne soggetti, con percentuali oscillanti tra il 30% ed il 100%; di tipo medio o grossolana, nella cavità peduncolare, talvolta interessante la calicina.

Peduncolo: corto, di spessore medio

Cavità peduncolare: da poco a mediamente profonda , poco ampia

Calice: semi aperto, medio

Cavità calicina: mediamente profonda, poco ampia

Torsolo: medio

Polpa: colore: bianco-crema; tessitura: media; consistenza: medio fondente; succosità: buona; sapore: discreto; aroma: medio;

Zuccheri: 13 °Brix

Acidità: 4,2 g/l acido malico

Epoca di raccolta: seconda decade di ottobre

Giudizio d’insieme

Varietà interessante per la discreta produttività e le apprezzabili caratteristiche pomologiche e gustative dei frutti; questi ultimi presentano però limiti nella pezzatura.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

La raccolta viene effettuata manualmente con l'uso di ceste e/o secchi e con una lavorazione sommaria che consiste nella cernita e nella disposizione del prodotto in cassette. Il prodotto così confezionato è destinato esclusivamente al mercato locale. I materiali, le attrezzature e i locali utilizzati per la produzione sono di norma quelli che si usano tuttora in zona per la normale coltivazione del melo e cioè: ceste per la raccolta, cassette di varia misura per il prodotto lavorato, eventuale locale per la lavorazione e toelettatura, locale per la vendita.

Elementi che comprovino che le metodiche siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni

La varietà deve ritenersi autoctona : il nome deriva da “Seuza”, frazione del comune di San Leonardo (UD), posto nel cuore delle Valli del Natisone. Alla fine del 1800 essa costituiva i due terzi della produzione melicola del Mandamento di Cividale – allora una delle più importanti zone frutticole del Friuli – ed assommava a 2.000 t/anno (Dorigo, 1909). Sebbene nel corso degli ultimi anni la coltivazione della Zeuka abbia subito una forte riduzione, dovuta principalmente alla diffusione delle nuove costituzioni straniere, essa costituisce tuttora la varietà di origine locale più diffusa in Friuli. La tecnica colturale è immutata, rispetto al passato, e fa affidamento a piante sparse, allevate in forme libere o a vaso, senza fare ricorso, generalmente, a trattamenti antiparassitari.

 

BIBLIOGRAFIA

Dorigo, D., 1909.   La frutticoltura del Mandamento di Cividale e il vivaio di fruttiferi di S. Pietro al Natisone. Bullettino dell’Associazione Agraria friulana, serie V, vol. XXVI, 11-20.

Peterlunger, E., Messina, R. 1982. Osservazioni pomologiche sulla cultivar di melo “Zeuka” diffusa nelle Valli del Natisone. Atti del 2° Convegno Internazionale di Frutticoltura Montana-. Saint Vincent (Aosta), 16 – 17 novembre, 197 – 201.

Youssef, J., Strazzolini, E., Toffolutti, B., Piazza, L. 2000. Pomologia Friulana., Supplemento al Notiziario  ERSA, 5, 2000. pp.255.

 

 




Argomenti associati
Area divulgativa
« dicembre 2018 »
do lu ma me gi ve sa
1
23 45678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031