Azioni sul documento

Blave di Mortean

n. 77 - Farina da polenta ottenuta da varietà autoctone di mais coltivato in terreni del comune di Mortegliano.

Categoria: prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Territorio interessato alla produzione: Comune di Mortegliano in provincia di Udine.



Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

I terreni del Comune di Mortegliano nei quali avviene la coltivazione del mais “Blave di Mortean” devono essere irrigui. Il seme utilizzato, idoneo ad ottenere sfarinati per polenta di qualità, è selezionato valorizzando di preferenza varietà “autoctone”, cioè quelle tradizionalmente coltivate in Friuli, con granella a colorazione gialla, bianca o rossa.

La raccolta avviene a spiga intera e le spighe vengono selezionate manualmente per eliminare il prodotto non idoneo. L’essiccazione della granella è effettuata a bassa temperatura con ventilazione forzata o con metodo tradizionale, ma sempre in modo da conservare il profumo naturale del prodotto. Dopo la macinazione si ottiene la farina da commercializzare nei tipi “gialla nostrana” e “bianca nostrana”.

Materiali, attrezzature specifiche utilizzati per la preparazione e il condizionamento

La macinazione della granella avviene in molini tradizionali che comunque garantiscono la massima igienicità del prodotto ottenuto, che viene venduto confezionato. I molini tradizionali possono talvolta presentare componenti in legno.

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura

I locali ove viene conservata la granella essiccata devono garantire una temperatura adeguata alla conservazione e proteggere dalle più comuni fonti di inquinamento.

Elementi comprovanti che le metodiche sono state praticate in maniera omogenea e secondo le regole tradizionali per un periodo non inferiore di 25 anni

Basti ricordare che nella relazione Morpurgo, parte integrante dell’inchiesta Jacini (v. vol. IV degli Atti della Giunta per la Inchiesta Agraria e sulle condizioni della Classe Agricola, Roma 1882) si trova tra le altre questa constatazione: “il contadino (friulano) insacca la polenta nel suo stomaco e raramente alterna e mescola questo cibo con altri”. Sono poi riportate, a sostegno di questa constatazione, notizie raccolte in tutto il Friuli e, in particolare, nella pianura ove è situato Mortegliano.

Dall’altra parte, per tradizione popolare, si ha un generale riconoscimento della qualità del mais qui prodotto, fatto che ha permesso la stesura di un regolamento produttivo cui devono attenersi i coltivatori abitanti nel comune per utilizzare il marchio depositato “Blave di Mortean” (MI 98 CO12087 MI 98 CO 12086).

 




Argomenti associati
Area divulgativa
« dicembre 2018 »
do lu ma me gi ve sa
1
23 45678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031