Azioni sul documento

Mussolo de scoio, Mussolo di scoglio, Arca di Noè

n. 141 - Mollusco allo stato vivo pescato lungo il litorale costiero regionale.

Categoria: preparazione di pesci, molluschi e crostacei

Territorio interessato alla produzione: Tutto il territorio marino del Friuli Venezia Giulia in corrispondenza di fondali rocciosi e/o con presenza di pietrame e substrati solidi.



Descrizione sintetica del prodotto

Mollusco allo stato vivo, pescato a mano o con attrezzi strascicanti lungo il litorale  costiero regionale.

Il “Mussolo de scoio” – Mussolo di scoglio,  all’atto dell’immissione al consumo deve rispondere, oltre alle norme igienico sanitarie previste dalla legislazione nazionale, alle seguenti caratteristiche:

Aspetto: Conchiglia con 2 valve ruvide uguali inequilatere, rigonfia di forma bizzarra che ricorda le imbarcazioni primitive. Il bordo interno delle valve si presenta liscio, cerniera sottile munita di circa 80 dentelli piccolissimi.

Colore:  esternamente la conchiglia si presenta bruna con striature bianco - rossastre. All’interno la colorazione è violastra, madreperlacea ed iridescente.

Dimensione: la conchiglia deve avere un minimo di 40 mm di lunghezza;

Sapore: delicato, di mare.

 

Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

La pesca del “mussolo” avviene ormai, causa la scarsità della risorsa disponibile,  solamente a mano, ad opera di alcuni operatori subacquei autorizzati. Tramite immersioni su alcuni  punti prestabiliti, l’operatore subacqueo professionista stacca, con una particolare operazione manuale rotatoria e per mezzo di un apposito coltello , i mussoli da rocce e substrati duri a cui essi sono attecchiti.

Con questa metodica di pesca vengono raccolti solo esemplari adulti in ottimo stato di vitalità.

I mussoli raccolti sono immessi in retini di contenimento e mantenuti freschi e vitali fino alla loro commercializzazione.

L’attività di pesca manuale benché più costosa rispetto a quella strascicante ha il vantaggio di essere altamente selettiva, ecosostenibile e qualitativa. L’assoluta integrità fisica della conchiglia e del corpo, la maggior vitalità e l’assenza di sabbia all’interno del mollusco sono le principali caratteristiche che contraddistinguono questa particolare metodica di pesca e di apprezzamento per il consumatore.

Materiali, attrezzature specifiche utilizzati per la preparazione ed il condizionamento

Tutti i materiali impiegati sono conformi alla normativa europea in fatto di igiene e sicurezza degli alimenti.

Le attrezzature di pesca, lavorazione e selezionatura sono di acciaio inox o in plastica .

Le reti di confezionamento sono in polietilene adatte a contenere alimenti.

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura

Trattandosi di prodotto fresco da avviare direttamente alla commercializzazione non sono previsti locali di lavorazione e stagionatura.

Elementi che comprovino che le metodiche siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni

La pesca dei mussoli, di vecchissima tradizione, era improntata attraverso brevi strascicate con un attrezzo specifico “ il mussoler”, rastrello metallico munito di sacco terminale in rete. Per decenni importantissima fonte di reddito per molti pescatori triestini, la pesca del mussolo ha subito una drastica diminuzione alla fine degli anni cinquanta quando, a causa di una improvvisa malattia, l’imponente stock di molluschi presente nell’Alto Adriatico fu decimato. Negli anni sessanta, seppure con risultati sempre più scarsi, la pesca del mussolo proseguì, fino ad esaurire i pochi banchi rimasti. L’ultimo mussoler in esercizio cessò l’attività nel 1967.

Da allora l’unica forma di pesca del prelibato mollusco, tanto caro ai triestini, è rimasta quella della raccolta a mano ad  opera di palombari prima e pescatori subacquei in seguito.

Come spesso succede in alcuni settori, economicamente marginali e/o non ritenuti sufficientemente importanti dalla società, l’interesse degli studiosi e ricercatori storici sono inesistenti o molto limitati.

Alcuni cenni storici e fotografie delle fasi di pesca, commercializzazione e consumo dei mussoli a Trieste sono reperibili presso il Civico Museo del Mare di Trieste nonché da alcuni siti internet:  www.triesterivista.it/cultura/austria/mercati.htm

un cenno bibliografico sulla presenza costante dei mussoli al locale mercato ittico di Trieste si può trovare sulla pubblicazione “ Golfo di Trieste e dintorni: pesca, acquacultura e curiosità dei tempi andati” edito dalla Azienda ARIES della Camera di Commercio di Trieste.

 




Argomenti associati
Area divulgativa
« dicembre 2018 »
do lu ma me gi ve sa
1
23 45678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031