Azioni sul documento

Strucchi

Dolce di pasta frolla, ripieno di frutta secca, pinoli e zucchero, fritto in olio bollente.

Categoria: bevande analcoliche, distillati e liquori

Territorio interessato alla produzione: Valli del Natisone e Cividale del Friuli.



Descrizione sintetica del prodotto

Dolce di pasta frolla, ripieno di frutta secca, pinoli e zucchero, fritto in olio bollente.

Forma quadrangolare a bocconcino, tipo raviolo, della dimensione di 3/5 cm. Di lato, chiuso su tutti i lati.

Aspetto rigonfio, di colore dorato/marroncino.

Gli ingredienti caratterizzanti (frutta secca) sono le noci bianche e i pinoli.

Materie prime usate per la pasta:

  • farina di frumento
  • zucchero (saccarosio)
  • uova
  • latte o acqua
  • burro o margarina o oli di semi vegetali
  •  liquori
  • sale
  •  limone, essenze o scorze grattugiate

materie prime usate per il ripieno:

  •  noci bianche
  • pinoli 
  •  zucchero
  • vanillina
  • sale
  •   liquori o grappa

Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

Si produce un impasto di farina con latte o acqua, si aggiungono gli ingredienti previsti dalla ricetta e si impasta sino ad ottenere un impasto omogeneo e morbido. La pasta ottenuta si stende a sfoglia sottile, sulla quale vengono posti i boli di ripieno. Si ripiega la pasta e la si taglia alla misura indicata chiudendo tutti quattro i lati del raviolo.

I ravioli ottenuti vengono fritti in olio bollente fino a colorazione dorata. Si procede successivamente ad una spolverata superficiale di zucchero.

Materiali, attrezzature specifiche utilizzati per la preparazione e il condizionamento

Attrezzature tipiche dei laboratori di pasticceria da forno (impastatrici, piani di stesura pasta, etc.).

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura

I locali di lavorazione sono dei normali laboratori di produzione di prodotti dolciari, muniti di regolare autorizzazione sanitaria e non necessitano di deroghe strutturali e di attrezzature in quanto il prodotto non necessita di salvaguardia di flora microbica specifica.

Elementi comprovanti che le metodiche sono state praticate in maniera omogenea e secondo le regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni

Gli strucchi sono dolci tradizionali delle Valli del Natisone. Venivano serviti nelle occasioni di vita più importanti quali matrimoni, battesimi e sagre. Per la festa del patrono S.Antonio, che cade il 17 gennaio, era tradizione confezionare in abbondanza dolci delle valli (gubane e strucchi) da offrire ad amici e parenti, che in questa occasione venivano a festeggiare il santo.

Nel libro “Nozze di ieri in Friuli” edito da Arti Grafiche Friulane nel gennaio 1968, vengono citati gli struki, come dolci caratteristici della valle che venivano mangiati nei giorni di festa.

Nel 1970 veniva stampato un depliant pubblicitario di un’azienda della zona, nel quale, tra le specialità vendute, appaiono anche gli strucchi.




Argomenti associati