Azioni sul documento

Prodotti di origine animale (miele, prodotti lattiero-caseari di vario tipo escluso il burro)

sedici prodotti

Miele di Acacia del Carso
n. 149 - Il miele uniflorale di acacia è molto conosciuto ed apprezzato per il sapore delicato, con un sentore leggermente vanigliato e retrogusto di mandorle amare.
Miele di Marasca del Carso
n. 150 - Si caratterizza per il colore ambrato con riflessi rossastri e un gusto amarognolo che ricorda l’aroma delle mandorle.
Miele di melata di bosco del Carso
n. 151 - Miele dal colore scuro o molto scuro con sentori di caramello, di frutta secca.
Miele friulano di melata di Abete
 
Miele di Tiglio del Carso
n. 152 - Miele dal colore ambrato chiaro dal sapore lievemente amarognolo caratterizzato per il gusto molto fresco di mentolo e di erbe officinali.
Miele friulano di Acacia
n. 153 - Ha odore molto delicato con un profumo che ricorda la pera cotta. Il sapore è molto dolce con una connotazione di frutta cotta.
Miele friulano di Ailanto
II Miele monoflorale di Ailanto, deriva dal nettare della pianta arborea nota come Ailanto o Albero del Paradiso (Ailanthus altissima, famiglia Simaroubaceae). Le caratteristiche del miele sono di seguito riportate. Stato Fisico. Il Miele friulano di Ailanto si presenta liquido, ma con il tempo (alcuni mesi dopo la raccolta) tende a cristallizzare. Colore. Il colore è ambra quando il miele è liquido, e ambra chiaro quando cristallizza. Odore/Aroma. L’aroma, di media intensità, ricorda i funghi secchi e i frutti freschi. Sapore. Il sapore, relativamente marcato, talora persistente, ricorda l’uva moscata e il thè alla pesca. In bocca il miele è mediamente dolce. Dal punto di vista melissopalinologico nel Miele friulano di Ailanto sono presenti pollini di piante entomogame, quali Trifolium repens, Rubus, Amorpha, Robinia, Clematis, Parthenocissus, nonché pollini di piante anemogame, quali Papaver, Filipendula, Plantago, Actinidia. Non infrequente è la presenza di polline di Castanea sativa. Il Miele friulano di Ailanto viene confezionato in vasetti di vetro con tappo di latta a vite per lo più da 250 g e da 500 g.
Miele friulano di amorfa
n. 154 - Miele friulano di Amorpha fruticosa
Miele friulano di Castagno
n. 155 - Miele di colore ambra chiaro se puro, con colorazioni scure quando è mescolato con la melata con un sapore amaro, persistente.
Miele friulano di rododendro
n. 156 - Miele di rododendro della montagna friulana
Miele friulano di tarassaco
n. 157 - Si presenta di colore giallo con riflessi ambrati. Ha un odore molto intenso e pungente.
Miele millefiori del Carso
n. 158 - Questo miele, se prodotto nella prima parte della primavera, è caratterizzato dall’aroma amarognolo della marasca, mentre, se prodotto più tardi, è caratterizzato da aroma delicato di varie leguminose erbacee.
Miele millefiori della montagna friulana
n. 160 - Si presenta con colore che varia dal bianco-beige molto chiaro al beige scuro. Di norma, ha un odore delicato e un sapore normalmente dolce.
Miele millefiori della pianura friulana
n. 161 - Se prodotto nella prima parte della primavera è tendenzialmente chiaro dato dal nettare di tarassaco; se prodotto nella prima estate è di color ambra per del nettare di acacia; se prodotto da luglio in poi è color ambra scuro per la melata.
Ricotta affumicata di malga
n. 162 - Formaggio a pasta bianca, asciutta e granulosa con gusto affumicato delicato.
Ricotta di capra
n. 163 - La ricotta ottenuta dal siero di latte di capra, può essere consumata fresca o può essere affumicata con fumo di essenze di boschi locali ed essenze aromatiche.
Miele millefiori della laguna friulana
n. 159 - Miele friulano di laguna

Area divulgativa
« ottobre 2017 »
do lu ma me gi ve sa
1 23 4 5 6 7
8 910111213 14
15 161718192021
22232425262728
293031