Azioni sul documento

Linguâl

Impasto per cotechino insaccato in budello grande con al centro dell’impasto la lingua intera del maiale.

Categoria: carni fresche e loro preparazione

Territorio interessato alla produzione: Intera Regione Friuli Venezia Giulia e, in particolare, Carnia e destra Tagliamento.



Descrizione delle metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura

Si prepara l’impasto usuale del cotechino (carne magra e cotiche macinate) con cui si avvolge una lingua di maiale intera o pezzi della stessa e poi si introduce il tutto in un adatto budello da salame. Prima di essere consumata può essere conservata in locali adatti per alcune settimane. E’ diffuso anche un tipo di forma sferoidale, in quanto insaccato nel budello gentile, nel quale al centro dell’impasto sono messi pezzi di lingua suina.

Materiali, attrezzature specifiche utilizzati per la preparazione e il condizionamento

  • Attrezzi da taglio
  • Tritacarne
  •  Banchi per la lavorazione

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura

La lavorazione viene eseguita nei locali abitualmente destinati alla lavorazione del suino per uso familiare o in locali annessi alle macellerie. I locali in cui si produce il Linguâl per la vendita al pubblico sono a norma ai sensi della legislazione vigente.

Elementi che comprovino che le metodiche siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni

Il Linguâl è un prodotto di origine molta antica che, nelle zone in cui la tradizione è maggiormente radicata, veniva consumato nel giorno dell’Ascensione. Questo uso tradizionale è riportato da Giuseppina Perusini Antonini (1874-1974) nella sua pubblicazione “Mangiare e bere friulano”, la cui prima edizione è dell’inizio del XX secolo.




Argomenti associati
Area divulgativa
« giugno 2017 »
do lu ma me gi ve sa
123
456 78910
11121314151617
18 19 20 21 222324
252627282930